Quercia delle Streghe

La Quercia delle Streghe versa attualmente in buone condizioni, nonostante alcune brutte avventure capitate negli anni.

Innanzi tutto, nei primi anni del secolo scorso, alcuni vandali spezzarono alcuni rami sedendovici sopra. Successivamente, durante la seconda guerra mondiale, la quercia fu individuata dagli occupatori nazisti come legna da ardere, ma poi il progetto di abbattere l'albero monumentale fortunatamente sfumò grazie alla mobilitazione degli abitanti di San Martino in Colle. In seguito negli anni Sessanta l'albero fu colpito da un fulmine che gli causò importanti danni. Negli ultimi anni ha subito danneggiamenti delle radici per colpa dei troppi turisti che hanno calpestato il terreno intorno alla pianta ed è stata colonizzata da insetti infestanti che nidificano all'interno del tronco.

Si narra che la espansione della chioma in senso orizzontale sia dovuta al fatto che un gruppo di streghe solesse tenere i loro sabba sui rami della Quercia, da cui il nome Quercia delle Streghe e che questo abbia causato tale insolito sviluppo dei rami.

Questa Quercia è quella sulla quale il burattino Pinocchio venne impiccato dagli assassini, che lo volevano derubare, nel famoso episodio del racconto de Le avventure di Pinocchio.

Dove

  • Regione

    Toscana
  • Provincia

    Lucca
  • Città

    Capannori
  • Località

    Gragnano, San Martino in Colle
Caratteristiche

  • Circonferenza Fusto

    400 cm.
  • Diametro Chioma

    40 m.
  • Altezza

    20 m.
  • Stima Anni

    600
Criteri di Monumentalità

  • età e/o dimensioni
  • valore storico, culturale, religioso
Altri Alberi nelle vicinanze

Alberi Monumentali d'Italia
By Musei Italiani 2022